Magiche Donne · Adriana.



Quest' intervista è stata fatta ad una donna che sogna di divenire medico. Il suo nome è Adriana e la ringraziamo per aver inaugurato questa nuova rubrica tutta al femminile..

A noi le sue parole sembrano stupende, così come i progetti di vita. Speriamo che riesca a realizzarsi e soprattutto che ci siano più medici come lei nel nostro arido mondo.


1. Come è nato questo sogno?

Il sogno di diventare medico è nato durante la mia adolescenza. Come tutti i ragazzi, mi facevo domande sul senso della vita, della mia esistenza e mi venne spontaneo pensare che sarebbe stato bello aiutare il prossimo. Poi compresi ogni cosa in due occasioni. Vidi morire davanti a me un amico di famiglia. Non seppi fare nulla per aiutarlo, se non andare in un punto d'incontro dei soccorsi per portarli sul luogo e supportare la figlia in lacrime. Promisi a me stessa che non sarebbe capitata mai più una cosa del genere sotto i miei occhi, promisi che avrei almeno imparato cosa fare per salvare una persona, anche se purtroppo a volte il destino è più grande di noi e anche se sappiamo come comportarci non è detto che riusciamo a vincere contro la morte. Successivamente problemi di salute mi fecero avere una repulsione verso gli ospedali e i medici, ogni volta che vedevo un ago ripensavo al dolore provato. Un dolore fisico, ma anche mentale e perciò decisi di abbandonare questo sogno. Così mi laureai in Scienze biologiche. Anni dopo, quando mi trovai in un pronto soccorso, c’era una signora anziana molto malata che cercava una mano da stringere, un conforto e lì si accese qualcosa dentro di me, qualcosa che non saprei descrivere. Non avrei potuto abbandonare il mio sogno per le mie paure. Le avrei superate e così è stato. Fortunatamente oggi sono diventata davvero molto meno impressionabile di quanto avrei mai potuto immaginare.


2. Cosa ti aspetti da questo sogno?

Mi avessi fatto questa domanda dieci anni fa ti avrei risposto utopicamente "cambiare il mondo, salvare vite". Ora, passato il periodo adolescenziale, mi sono schiantata con la dura realtà. So che non potrò cambiare l'intero mondo, ma di sicuro il mondo di qualcuno.


3. Per te, fare medicina e poi diventare dottoressa, cosa è realmente? Quali sono i tuoi progetti e le tue speranze?

Spero vivamente di poter imparare sempre di più, non c'è mai limite alla conoscenza. Spero, poi, di poter applicare il mio sapere per aiutare chi ne avrà bisogno, sia fisicamente che mentalmente. Sono molto convinta che negli ospedali ci sia necessità di professionisti più empatici, più attenti alle esigenze dei malati. Non siamo meccanici che riparano auto, ma medici che guariscono persone fatte di mente e corpo.


4. Descrivi con una sola parola il tuo sogno di divenire dottoressa.

Penso che la parola più adatta sia già compresa nella tua richiesta: SOGNO!

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti